08
Gen
08

“Santificare” Ciavardini: operazione lecita?

La campagna nazionale di informazione che la destra ha scatenato in difesa di Ciavardini, ritenuto innocente per quanto riguarda la strage di Bologna, appare quanto meno discutibile. Faceva parte dei N.A.R. e in quanto tale è un personaggio vergognoso. Non stupisce che Alleanza Nazionale se ne faccia portatrice…

Di seguito, un breve resoconto su che cosa i N.A.R. hanno rappresentato per la storia di questo paese.

I Nuclei Armati Rivoluzionari (NAR) furono un gruppo terroristico d’ispirazione neofascista attivo in Italia dal 1977 al novembre del 1981.

In quattro anni hanno commesso 33 omicidi (senza contare i morti della Strage di Bologna per cui Fioravanti e Mambro sono stati definitivamente condannati).

Dirigenti: Giuseppe Valerio (detto “Giusva”) Fioravanti, Dario Pedretti, Cristiano Fioravanti, Alessandro Alibrandi, Francesca Mambro.
Pubblicazione: gli unici documenti prodotti sono i volantini di rivendicazione.
La tradizionale preminenza dell’azione sul pensiero tipico della tradizione fascista, trovò in questa organizzazione, la sua applicazione estrema, negli anni che vanno dal 1978 al 1981. La relazione della Commissione Stragi spiega infatti come “la sigla Nuclei Armati Rivoluzionari, sottenda una realtà di non facile comprensione e si inserisca in un orizzonte volutamente mutabile e in movimento. Tale sigla infatti venne dapprincipio utilizzata dal gruppo formato dai fratelli Fioravanti, Alessandro Alibrandi e Franco Anselmi che si era andato strutturando in un processo di aggregazione per gruppi operanti nei quartieri e attivi in pestaggi e scontri fisici con oppositori politici, ma che già dal suo nascere non intendeva caratterizzarsi come una specifica formazione politica, quanto piuttosto mettere a disposizione di tutta l’area della destra una sorta di parola d’ordine con cui attestare, attraverso i fatti, la condivisione del progetto complessivo. Come si vede l’idea coincide con le quasi contemporanee prese di posizione di Costruiamo l’azione, e la convinzione radicata in Fioravanti e negli altri a lui vicini della superfluità delle parole e della forza rivoluzionaria dell’esempio. Valerio Fioravanti spiegherà il significato della sigla in questi termini: “la sigla N.A.R. è stata usata da molti anni, inizialmente per semplici attentati di danneggiamento, e stava ad indicare soltanto la matrice fascista. Tale sigla peraltro non si riferisce ad una organizzazione stabile e strutturata; bensì soltanto alla matrice degli attentati. Se vi era il rischio che persone estranee o anche persone della destra facessero azioni sbagliate e controproducenti, esso era compensato dal vantaggio che tale organizzazione sembrasse realmente esistente e attiva per più lunghi periodi di tempo”. Tale elasticità è indicativa di un atteggiamento del gruppo N.A.R che rimane tuttavia sufficientemente individuabile come tale per la stabilità della sua formazione, dell’armamento e la consequenzialità dei comportamenti tenuti ed anzi finisce per essere un modo caratteristico di essere della formazione invece che la negazione della sua esistenza come struttura. L’organizzazione e l’esecuzione di molti dei colpi avvicinò stabilmente – e per alcuni irreversibilmente – i ragazzi dei N.A.R alla criminalità organizzata del gruppo che successivamente verrà indicato (sinteticamente e in parte impropriamente) come Banda della Magliana, attraverso lo stretto legame dei fratelli Fioravanti e di Alibrandi con personaggi come Massimo Sparti, e di Massimo Carminati e dello stesso Fioravanti con Franco Giuseppucci e Danilo Abbruciati. Tali legami verranno a cementarsi, oltre che con la pianificazione e attuazione di rapine attraverso le attività di reinvestimento dei proventi delle rapine (per lo più attraverso il prestito usuraio) che gli estremisti affideranno alla banda, per conto della quale eseguivano attività di intimidazione e di vero e proprio killeraggio”.

Annunci

1 Response to ““Santificare” Ciavardini: operazione lecita?”


  1. 1 elkappe
    gennaio 8, 2008 alle 6:27 pm

    Ciao a tutti i compagni di Massa
    siccome non sono venuto all’assemblea di Lunedì causa assenza dalla provincia intervengo brevemente qui sul caso Ciavardini.
    Nessuno mette in dubbio che Civardini sia un personaggio assolutamente reazionario e che la campagna per la sua liberazione sia montata ad arte dalla destra più becera e violenta per gettare fumo sulle valutazioni storiche degli anni 70 (estesi anche ai primi 80).
    Questo deve essere chiaro e va denunciato con fermezza!
    Ma penso che non si possa fare confusione tra i diversi piani che sono in gioco, ovvero quello della valutazione-costruzione della percezione degli eventi di quegli anni e il processo per la strage di Bologna. Sono due cose distinte ed è necessario ragionarci distintamente.
    é innegabile, se si pendono in mano testi, ricostruzioni, valutazioni, prodotte da compagni antifascisti, che Ciavardini è stato con tutta probabilità tirato in mezzo, e comunque che le prove a suo carico sono molto dubbie. Per non dire poco rispondenti ad uno stato di diritto che pretende di essere garantista.[http://www.fondazionecipriani.it/Scritti/stragedi.html]

    Questo fatto, non toglie che il personaggio in questione sia un neofascista criminale, e come tale vada giudicato e trattato. Così come ciò non toglie che le campagne sul caso sono montate ad arte e che usano questo errore giudiziario per “revisionare” ben altre e più certe collusioni tra servizi nostrani, servizi stranieri,NATO e neofascisti.
    Confondere i piani aiuta i neofascisti a portare avanti la loro mobilitazione revisionista dei ’70, che invece deve essere l’obbiettivo della mobilitazione degli antifascisti bloccare, assieme all’impedimento delle provocazioni per cercare di ritagliarsi agibilità politica.

    Organizzazioni di razzisti, xenofobi, sessisti non hanno cittadinanza nella nostra società, su questo siamo chiarissimi,lo abbiamo dimostrato e lo dimostreremo, così come dobbiamo dimostrare che la nostra miglio alleata è la verità.

    Stefano
    da Carrara
    Fatemi sapere per sabato via mail!


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


a

gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: