30
Dic
08

Gaza, Israele: nessuna tregua. Speronata nave pacifista

 I raid, nei cieli di Gaza, non si sono fermati nemmeno nella notte di lunedì. Almeno dieci i morti e 40 i feriti tra i palestinesi da quattro giorni sotto l’assedio israeliano. Due di loro hanno quattordici anni in due. Si chiamavano Lama e Haia Hamadan. Sono state uccise a 10 e a 4 anni da un missile partito da un aereo israeliano sul campo di Beit Hanun: erano a bordo di un «carretto trainato da un asino». Non proprio uno degli obiettivi che l’aviazione di Tel Aviv ha detto di prendere di mira: edifici ministeriali e dei servizi di sicurezza. Ma per Israele la tregua è lontana. L’offensiva, dice, potrebbe andare avanti «per settimane».

Qualsiasi ipotesi di cessate il fuoco, per il governo israeliano, non è proponibile fino a quando la minaccia dei razzi non sarà cessata: l’ultimo ha colpito un soldato israeliano nella base vicino alla Striscia di Gaza: sale così a cinque il numero degli israeliani uccisi dai palestinesi dall’inizio dell’operazione militare. Per contro, ha toccato quota 340 il numero dei morti nella Striscia. L’ Onu ha detto che almeno 57 di loro sono civili, innocenti come le cinque sorelline uccise lunedì durante il raid che ha colpito il campo profughi di Jabaliya, come le due finite sul carretto a Beit Hanun.

La tensione è alle stelle, tanto che, per la prima volta, Israele ha bloccato la nave pacifista di Free Gaza, la Dignity, che da mesi sfida l’embargo israeliano per portare cibo e aiuti nella Striscia. Anche martedì la Dignity avrebbe voluto portare conforto nei Territori assediati. Tra i passeggeri della nave ci sono quattro medici e una tonnellata di materiale sanitario destinato agli ospedali di Gaza. Ma siamo in guerra, e non c’è spazio per le opere buone.

Israele ha speronato la nave, come racconta un giornalista di Al Jazeera che si trova a bordo dell’imbarcazione, quando si trovava al largo delle coste di Haifa. «È stata una nave da guerra della Marina israeliana a speronare la nostra nella parte sinistra della prua – racconta Osman al Buteiry – L’incidente è avvenuto quando eravamo a 90 miglia dalla linea delle acque internazionali di Gaza. Gli israeliani ci hanno intimato di tornare a Larnaka, a Cipro, ma il capitano ha detto di non avere sufficiente carburante a bordo». La Dignity ha iniziato a imbarcare acqua, così come qualsiasi speranza di pace. Poi ha ripreso a navigare verso il Libano.

|
Advertisements

0 Responses to “Gaza, Israele: nessuna tregua. Speronata nave pacifista”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


a

dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: