22
Feb
09

Mestiere rondista: cani lupo fischietti e spray urticanti

Da La Stampa, di Francesco Moscatelli 22 febbraio 2009

I comitati spontanei operano prevalentamente al Nord. Le organizzazioni sono nate prima del decreto “Ora siamo subissati da domande di adesione”. L’inchiesta di Francesco Moscatelli sulla Stampa.

Paese che vai, «rondarolo», «rondista» o «cittadino attivo» che trovi. Chi si immagina i comitati della sicurezza fai da te come un esercito compatto di piccoli rambo della porta accanto, ha preso un granchio. In attesa che i decreti attuativi spieghino nel dettaglio il suo ruolo e il suo status giuridico, il popolo delle ronde si organizza come può. Ogni comitato ha il suo stile, le sue simpatie partitiche e la sua buona dose di improvvisazione. «Noi, che le ronde siamo stati i primi ad inventarle, è da tre anni che giriamo armati solo di pettorine gialle, buona volontà e telefonini», spiega Gianpaolo Vallardi, senatore leghista e sindaco di Chiarano, provincia di Treviso. Nessuna velleità da milizia del popolo, anzi. I comitati spontanei vicini alla Lega, la benedizione del partito, non la cercano più da un pezzo. «Non per altro – continua Vallardi -. Ma i malpensanti come al solito cercavano di etichettarci politicamente per accusarci di razzismo. Mentre per le strade è sempre scesa gente comune, padri di famiglia senza tessere di partito».

Anche a Milano, dove sono attivi una decina di gruppi fra Gratosoglio, via Ripamonti, Quarto Oggiaro e altre aree periferiche, la visibilità è diventata importante solo nelle ultime ore. «La riconoscibilità è un problema mediatico, nulla di più. Le persone si aggregano spontaneamente e fanno riferimento al comitato cittadino “Milano più sicura” solo per relazionarsi con le istituzioni – racconta Alessandro Morelli, esponente della Lega e coordinatore milanese delle ronde –. Per chi vuole forniamo casacchine fosforescenti, ma molti si organizzano autonomamente. Per il resto si gira con telefoni cellulari e macchine fotografiche. I più “strafighi”, a volte, portano anche una telecamera». Nel capoluogo lombardo sono attivi da anni anche i City Angels, capitanati da Mario Furlan. Sono un’associazione di volontariato apartitica, vicina alla giunta Moratti, che si occupa di sicurezza ma anche di assistenza ai clochard e alle persone in difficoltà nelle stazioni ferroviarie e nelle aree più disagiate della città. Maglietta rossa con il logo degli «Angels» e baschetto azzurro, sembrano apprendisti caschi blu di provincia. Negli ultimi giorni, però, forse per non essere confusi nella mischia, hanno iniziato a battere anche il centro della città. E la mattina li si può incontrare in mezzo alle «sciure» bene che fanno colazione fra Brera e piazza del Duomo.

Da tre anni in Lombardia sono presenti anche i volontari di «Monza Soccorso»: collaborano con la Protezione civile e con la Croce Rossa e girano per la città con la classica tuta arancione degli uomini di Guido Bertolaso. Nel bagagliaio della jeep hanno sempre un defibrillatore e una valigetta del Pronto Soccorso, ma oltre ad assistere gli anziani e i bambini che si sbucciano le ginocchia, controllano che non ci siano spacciatori nel parco attorno all’autodromo. Multifunzione, insomma. In queste ore, però, si stanno organizzando anche i primi movimenti femminili, come il «Comitato per la sicurezza delle donne» fondato la settimana scorsa nel quartiere romano di Appio Latino. «Gireremo in gruppi formati da cinque donne e da un uomo – spiega Barbara Cerusico, dirigente locale della Destra di Storace e anima dell’iniziativa –. Avremo tutti un telefono cellulare collegato con una centrale operativa che, nel caso di irregolarità, attiverà direttamente le forze dell’ordine. Se porteremo delle pettorine? La pubblicità, in certi casi, non aiuta». Sono sicuramente più attenti alla divisa i torinesi di Azione Giovani, il movimento giovanile di Alleanza nazionale, che in questi giorni hanno pattugliato la zona di Borgo Dora. «Abbiamo giubbini catarifrangenti e caschetti amaranto, in segno di simpatia nei confronti della Folgore – racconta il responsabile Maurizio Marrone –. Il verde l’abbiamo bandito perché con le ronde leghiste non vogliamo avere nulla a che fare mentre il nero sembrava un po’ troppo lugubre. L’essenziale è far capire alla gente che stiamo facendo un servizio, che non è una manifestazione di protesta. Ultimamente portiamo anche un cane lupo, un po’ per dimostrare la nostra volontà di essere operativi, un po’ perché può ritrovare la droga lanciata dagli spacciatori in fuga».

Vicino ad Allenza nazionale è anche l’associazione culturale Destra veneta, con base a Padova. «Siamo attivi dall’epoca delle prime ronde leghiste, nonostante alcuni dirigenti di An non ci vedessero di buon occhio – spiega il presidente Raffaele Zanon –. Oggi il partito ci ha seguito e le nostre file si ingrossano. Negli ultimi due giorni sono già arrivate duecento richieste di adesione, anche da ex poliziotti e da molte donne. Cosa facciamo? A Conegliano, quando chiudono i negozi, accompagniamo alle macchine le commesse del centro e distribuiamo spray al peperoncino. Le nostre armi? Un cellulare, qualche torcia e un fischietto».

Annunci

0 Responses to “Mestiere rondista: cani lupo fischietti e spray urticanti”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


a

febbraio: 2009
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: