Archive for the 'estrema destra' Category

28
Feb
09

Omicidio di Nicola Tommasoli, imputati divisi sulle responsabilità

Omicidio Tommasoli, imputati divisi sulle responsabilità La terza udienza in Corte D’Assise per l’aggressione mortale. Vesentini: «Corsi mi disse di aver visto Veneri dare un calcio a Nicola» Verona.

Il branco si spacca. Sono affiorati i primi rimbalzi di responsabilità e le prime accuse interne al gruppo oggi, nel corso della terza udienza del processo in Corte d’Assise a carico dei cinque giovani accusati di omicidio preterintenzionale per la morte di Nicola Tommasoli, aggredito nella notte del primo maggio dello scorso anno. Davanti alla Corte, il primo degli imputati che ha accettato di deporre ha indicato precise responsabilità tra le fila del «commando» che aggredì Tommasoli, 29 anni e i due suoi amici, Edoardo Cazzarolli, 26 anni, e Andrea Csontala, 30. E dure sono state le parole di Andrea Vesentini, 21 anni, che quella notte in corte Leoni a Verona si imbattè nel gruppo di Tommasoli: con lui c’erano Raffaele Dalle Donne, 20 anni, detto Raffa, Guglielmo Corsi (20), Federico Perini (21) detto Peri e Nicolò Veneri (20), soprannominato Tarabuio. «Ho visto Tommasoli a terra, Perini e Veneri vicino a lui – ha spiegato Vesentini – ma è stato quando eravamo in macchina e stavamo tornando a casa che Corsi mi spiegò di aver visto Veneri dare un calcio a Tommasoli». Un particolare che Vesentini ha ribadito di aver riascoltato dallo stesso Corsi il giorno dopo. Prima della sua deposizione, in aula sono stati proiettati i filmati registrati dalle telecamere fisse in cui si intravede il gruppo allontanarsi dal luogo della rissa e ascoltate anche le testimonianze delle guardie carcerarie che nella cella di Perini, Veneri e Dalle Donne hanno scoperto delle foto di Corsi e Vesentini con la scritta «infami»: un ulteriore dettaglio dello sgretolamento di un gruppo, che nelle ore successive all’aggressione sembrava invece cementato.

http://www.larena.it/stories/Home/160063/

Annunci
19
Dic
08

Arezzo: Casa Pound, non concessa la sala Montetini

“La Costituzione ha vinto, fuori i neofascisti dall’auditorium comunale”


Dichiarazione dei consiglieri comunali Marco Paolucci, Marco Tulli, Cristiano Rossi e Marco Bianchi:“Arezzo è una città antifascista. La nostra provincia è stata decorata con la medaglia d’oro alla Resistenza. Le stragi e gli eccidi per mano nazi-fascista sono stati innumerevoli durante la seconda guerra mondiale così come è stata massiccia la presenza delle frange dell’estremismo nero negli anni settanta.
Per questo oggi è inaccettabile che organizzazioni di stampo neofascista possano pretendere di utilizzare le sedi istituzionali per le loro iniziative. Per questo non possiamo che essere felici della decisione del Sindaco Fanfani di non concedere loro l’uso dell’auditorium comunale per un’iniziativa peraltro mistificatrice.
L’antifascismo è oggi più che mai attuale. Certo, perché sia pieno di senso non basta opporsi ai rigurgiti di fascismo ma va ricostruita un’idea di società e democrazia stessa che oggi vacillano sotto i colpi del pensiero unico neoliberista. In ogni caso per questa volta sono stati riaffermati i valori della Costituzione e della Resistenza. Cosa che di questi tempi non è affatto scontata”.

MERCOLEDì 17 DICEMBRE 2008 13:03
Comune di Arezzo Servizio Comunicazione

15
Dic
08

Pistoia, aggressione fascista presso lo spazio liberato ex breda est

da aut aut associazione culturale http://www.lagramignapisana.org

15 Dicembre, 2008 13:29

Pubblichiamo il comunicato di diverse realtà pistoiesi sui fatti: Nella sera di sabato 13 dicembre allo spazio liberato ex Breda est (Pistoia) si stava svolgendo un’iniziativa antifascista con l’esposizione di una mostra sulle nuove destre, dibattito e musica quando, verso le 23.30 si sono presentati 6 neofascisti che, dopo alcune provocazioni verbali, hanno picchiato un giovane presente all’ingresso dello spazio liberato, ferendolo al volto e alla testa.
Subito dopo sono fuggiti via a corsa verso il centro della città inseguiti da decine di persone, ma arrivati in piazza Treviso (la Barriera) per una coincidenza c’era una volante della polizia e subito dopo anche una dei carabinieri. Le forze dell’ordine, dopo aver fermato 4, i più giovani, tra gli aggressori – 2 sono riusciti a fuggire – hanno preso i documenti anche a 6 persone tra quelle aggredite.
Gli aggressori hanno in quel momento mostrato la loro arroganza ed il loro chiaro orientamento politico esibendosi, alla presenza delle forze dell’ordine, con saluti romani e mostrando con orgoglio svastiche e croci celtiche. Intanto sono stati ritrovate sul luogo dell’aggressione, e denunciate ai Carabinieri, catene e altri oggetti contundenti utilizzati dagli aggressori. Un centinaio di antifascisti pistoiesi si è ritrovato davanti alla caserma dei carabinieri per chiedere l’immediato rilascio dei compagni fermati e, in tanti, per sporgere denuncia come testimoni dell’aggressione.
I fermati sono stati rilasciati solo dopo le tre di notte e i carabinieri non hanno voluto procedere alle denunce spontanee dei presenti per “mancanza di funzionari”. Riteniamo fondamentale sottolineare che questa aggressione nasce da un clima di crescente violenza che è iniziata a diffondersi nell’ultimo anno nella nostra città ed è legato all’apertura di due sedi fasciste – Casa Pound e Forza Nuova – nel quartiere di San Marco. Non siamo quindi disposti ad accettare che questo episodio venga descritto come un episodio di bullismo o una rissa ma vogliamo denunciare pubblicamente la gravità di un’aggressione che è da definirsi chiaramente un’aggressione fascista.
Lunedì 15 dicembre alle 15.30 ci ritroveremo in Piazza del Duomo in occasione del Consiglio Comunale chiedendo ufficialmente che l’episodio venga messo tra i punti all’ordine del giorno. Invitiamo tutta la cittadinanza mercoledì 17 alle 21.00 a partecipare all’assemblea pubblica che si terrà allo Spazio Liberato ex Breda est (via Pacinotti, 9 Pistoia) per organizzare un corteo per sabato 20.
Spazio Liberato ex Breda Est, Rete Antifascista, Osservatorio sulle Nuove Destre di Pistoia, Partito dei CARC, Circolo A.R.C.I. Ho Chi Minh, Comitato Antifascista San Lorenzo, confederazione COBAS Pistoia, Confederazione Unitaria di Base Pistoia, ANPI, ARCI Pistoia, Anarchici Pistoiesi, Collettivo Liberate gli Orsi, Brigata Adelmo Santini
15
Dic
08

Pistoia: Saluti romani davanti al centro sociale. Denunciati quattro giovani di destra

Quattro giovani neofascisti denunciati per rissa, un trentenne del centro sociale all’ospedale per due colpi di catena alla testa. Questo il bilancio di un sabato sera ad alta tensione che si è sviluppato nella zona del centro sociale Spazio Breda Est di Pistoia di via Pacinotti. I giovani di destra sono stati inseguiti da una trentina di antifascisti dopo l’aggressione. Il giorno dopo, è un susseguirsi di accuse reciproche. Gli aggressori diventano gli aggrediti, catene e coltelli cambiano di mano a seconda del colore politico di chi parla. Dalle indagini è emerso che sei giovani di destra si sono provocatoriamente messi a intonare cori fascisti e a fare saluti romani davanti al centro sociale dove era in corso un’iniziativa antifascista. Una trentina i ragazzi usciti dalla sede per reagire alla provocazione.

http://www.nostalgiatoscana.it

13
Dic
08

Bologna: il consiglio provinciale e’ per il bando di FN

La Provincia al Ministero “Forza Nuova fuorilegge”

La Provincia di Bologna chiede al ministero dell’interno che il movimento politico Forza Nuova venga messo fuorilegge, per ricostituzione del partito fascista e per inottemperanza delle norme previste dalla legge Mancino.
E’ quanto contenuto in un ordine del giorno approvato dal Consiglio provinciale: la prima firma e’ del Prc con Sergio Spina, seguita da quelle di Pd,Sd Pdci e Verdi. L’odg prende spunto dall’aggressione di qualche settimana fa in piazza della Mercanzia che si inserisce, dicono, “in una piu’ complessiva escalation di aggressioni politiche, operate da gruppi che si richiamano all’ideologia fascista”. Il testo del consiglio invita quindi, le autorita’ competenti, a fare completa luce sull’accaduto, a impegnarsi per lo scioglimento immediato di tutte le formazioni che si richiamano ai principi e ai disvalori del fascismo, in particolare la messa al bando di Forza Nuova poiche’ suoi “diversi dirigenti e militanti sono stati piu’ volte coinvolti in episodi di violenza razzista e fascista” Ha votato contro Forza Italia.


Flash / Bloccata l’iniziativa di Casapound

In cinquanta bloccano il Consiglio di Quartiere distribuendo un dossier sulle nuove destre. Forlani preso atto della situazione decide di convocare per domani una seduta straordinaria del Consiglio nello stesso momento e nello stesso posto in cui ci sarebbe dovuta essere l’iniziativa di Casapound, bloccandola di fatto.

12 dicembre 2008

Intorno alle 18 di oggi pomeriggio circa cinquanta attivisti del centro sociale TPO di via Casarini, hanno fatto irruzione nel Consiglio del Quartiere Santo Stefano bloccandone i lavori e chiedendo al Consiglio stesso di ritirare la concessione ai neofascisti di Casapound dell’utilizzo della sala dell’Angelo, dove era prevista per domani un iniziativa con Pierluigi Concutelli, terrorista mai pentito e militante di Ordine Nuovo. Iniziativa dal chiaro sapore provocatorio nell’anniversario della strage di piazza Fontana. Contestualmente è stato distribuito ai consiglieri un dossier autoprodotto sui movimenti di destra. Dopo circa mezz’ora è arrivato il presidente del quartiere Forlani, che non era presente al momento del blitz, il quale ha mostrato di voler stare ad ascoltare le ragioni di coloro che stavano esprimendo seria preoccupazione per quella che di fatto era una legittimazione istituzionale dei fascisti. Dopo una discussione con i manifestani Forlani ha preso atto della gravità della situazione e ha deciso di convocare, per domani alle 16 alla sala dell’Angelo, un Consiglio di Quartiere straordinario, da tenersi a porte chiuse. In questa occasione si discuterà proprio del dossier prodotto dal TPO, la decisione di Forlani, di fatto, fa saltare l’iniziativa di Casapound. Questa decisione è stata ovviamente accolta con grande soddisfazione dalle compagne e dai compagni del TPO che ribadiscono la pericolosità di personaggi come Concutelli e la necessità di continuare a vigilare perchè non gli venga concessa agibilità.

12
Dic
08

Gli antifascisti portano all’annullamento del presidio di Forza Nuova

Con un delirante comunicato Forza Nuova, Lotta studentesca e Gioventù italiana hanno provato ad organizzare un presidio contro la stanza di preghiera che i musulmani di Massa hanno aperto nella zona di Turano. Un comunicato, che con un paragone assurdo, attaccava qualsiasi luogo di culto musulmano, paragonandolo a una fucina di terrorismo.

Gli antifascisti di Massa hanno impedito questo presidio schierandosi in gran quantità fin dal primo pomeriggio, manifestando la propria solidarietà ai cittadini musulmani e ai migranti. Un presidio molto partecipato che ha dimostrato come la mobilitazione permanente, l’autorganizzazione e l’unità portano al successo. Che ha messo in luce come, almeno nella città di Massa, l’antifascismo è una pratica comune, partecipata e militante. Che  Forza Nuova su questo territorio è costantemente ricacciata nella fogna da cui proviene.

ANPI GIOVANI DI MASSA

antifa

Di seguito il comunicato che come Anpi giovani abbiamo mandato ai giornali:

L’Anpi giovani di Massa esprime la propria preoccupazione per il documento pubblicato sui giornali dalle organizzazioni politiche forza nuova, lotta studentesca e gioventù italiana con la quale si comunica l’organizzazione di un presidio contro la moschea a Turano. Ricordiamo a questi “illuminati” personaggi già condannati dalla storia che la nostra Costituzione con l’art. 8 recita “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.”

Vorremmo intanto far presente a queste persone che le moschee sono regolate rispetto alla legge italiana allo stesso modo delle chiese cristiane cattoliche, valdesi, evangeliche o alle Sale del Regno del Testimoni di Geova, e che nessuno ha regalato a queste persone un luogo dove esercitare il proprio culto ma pagano un regolare affitto e sono quindi nel pieno diritto di usufruire di quello spazio, che d’altra parte ci pare piuttosto improbabile ospiti “centinaia” di immigrati date le dimensioni del posto.

Al di là di tutto questo e dei pericoli prospettati da Forza Nuova quello che spaventa noi è L’ottusità che questo genere di atteggiamenti e discorsi dimostrano, la società che persone come i suoi militanti prospettano è a dir poco disumana e aberrante, si vorrebbe un Europa cristiana dove permettere agli immigrati di arrivare solo quando devono essere sfruttati in qualche fabbrica del nord o in qualche piantagione di pomodori del sud. E quando li si “accetta” sul nostro territorio, li si vorrebbe disgiunti e slegati dalla propria cultura d’origine, dalla propria appartenenza religiosa, dagli usi e costumi della propria terra.

Noi crediamo che ogni uomo sia libero di scappare dalla fame e dalla paura, di cercare un’opportunità e di credere in ciò che vuole rispettando gli altri e la Costituzione del nostro paese, come ogni cittadino o residente. Annullare gli spazi per esercitare liberamente la propria appartenenza culturale, additarlo come criminale prima ancora che abbia commesso un reato,

non farà che creare incomprensione reciproca e quindi odio, significa voler condurre questo paese in una guerra tra popoli e tra poveri che porterà l’Italia a un futuro di morte, violenza e infelicità. Non è questo il futuro che noi vogliamo.

11
Dic
08

CasaPound, il volto attraente dei nuovi fascisti

12 da Umanità Nova, n.33 del 19 ottobre 2008

 Molto è stato detto e scritto su Forza Nuova, sul loro impianto fortemente nostalgico e   identitario, sul richiamo al fascismo rumeno, sulla sua forte impronta familista e  fondamentalista cattolica. Fascisti duri e puri, tradizionalisti, abbastanza fuori dalla nostra epoca per non attecchire oltre lo 0,3% di elettori che ha racimolato alle ultime consultazioni politiche.
Ma un altro orientamento fascista è ormai venuto alla luce. Quello che nelle parole dei suoi principali animatori si chiama fascismo del terzo millennio.
Occorre andare per ordine, e tornare alla scorsa primavera, quando il Movimento Sociale – Fiamma Tricolore di Luca Romagnoli, partito di coloro che nel 1995 rifiutarono la svolta di Fiuggi dell’allora leader MSI Gianfranco Fini, si trovava a dibattere dell’insoddisfacente esito elettorale dell’alleanza con La Destra di Francesco Storace e Daniela Santanché:  poco più del 2%  di voti , nessun deputato eletto alla Camera.
La ricetta di Romagnoli e dei suoi fedeli si delinea in poche settimana: rottura con Storace, avvicinamento al PDL di Berlusconi e Fini. Ma un componente della segreteria nazionale è di diverso avviso. Trattasi di Gianluca Iannone.
Chi è costui? Romano, trentacinque anni, sposato da cinque, padre di due figli. Alto 1.90, capelli rasati e barba lunga. Un tatuaggio sul lato sinistro del collo: «Me ne frego». Entra nel MSI a quattordici anni. Con lo pseudonimo di Sinevox, capeggia il gruppo nazirock degli ZetaZeroAlfa, uno dei più famosi, contraltare romano e fiammista dei forzanovisti Legittima Offesa dell’emiliano Luigi Guerzoni. Gestisce un pub, il “Cutty Sark”, e una annessa libreria, “Testa di ferro”, che vende i tomi del pantheon fascista. Ma soprattutto partecipa dal 2003 all’occupazione di CasaPound, un “centro sociale di estrema destra” organico alla Fiamma, o come piace a loro definirsi, “Occupazione Non Conforme”. Negli ultimi sei anni ONC sono spuntate numerose in tutte Italia. Sono occupazioni che abbinano una forte rivendicatività sociale  a una esplicita xenofobia: opposizione al carovita, diritto alla casa… ma solo per gli Italiani.
Di CasaPound Iannone diventa presto un punto di riferimento delle frange più giovanili, che nell’estate 2006 organizza nel Blocco Studentesco. I giovani fiammisti chiedono l’arresto dell’immigrazione, odiano tutte le droghe, accusano i libri di storia,  di propaganda antifascista, chiedono l’aumento delle ore di educazione fisica. Ma abbracciano anche rivendicazioni “di sinistra”: non vogliono i fondi alle scuole private, reclamano energie rinnovabili.
Il Blocco mostra subito notevole capacità di radicamento e riproduzione a Roma e in tutta Italia. Nella capitale vincono lo scorso febbraio le elezioni per la Consulta Provinciale Studentesca superando il 20% dei voti e, alleandosi nonostante le divergenze con gli aennini di Azione Studentesca e i forzanovisti di Lotta Studentesca, ne assumono il controllo.
Intanto Iannone si dedica all’altra sua creatura: nel settembre 2007 nasce a CasaPound Radio Bandiera Nera, emittente online dichiaratamente fascista destinata a mettere rapidamente insieme una ventina di redazioni locali e qualcuna estera.
Torniamo ai tempi recenti. Iannone, dicevamo, maldigerisce l’orientamento governista che prende piede nella dirigenza di FT. Il 9 Maggio fonda ufficialmente l’Associazione CasaPound Italia. Essa nasce già ramificata nel territorio, aggregando quasi ovunque la base militante del partito. «Una associazione -si legge nel comunicato che ne sancisce la nascita- che si propone di sviluppare in maniera organica un progetto ed una struttura politica nuova, che proietti nel futuro il patrimonio ideale ed umano che il Fascismo italiano ha costruito con immenso sacrificio.(…) Progetto e struttura che vogliamo vivi e presenti in strada ogni giorno al fianco e alla guida di un popolo disorientato». Una corrente, apparentemente. Sennonché una decina di giorni dopo Iannone e i suoi occupano la sede nazionale del partito, in polemica con Romagnoli, accusato di non convocare il congresso nazionale (per statuto biennale) e quindi di occupare abusivamente la poltrona di segretario dal dicembre 2006. La reazione è rabbiosa, il 24 maggio con un telegramma Sinevox è espulso dalla Fiamma. Tutta CPI solidarizza con il leader, in pochi giorni si consuma una vera e propria scissione tra base e quadri del Movimento Sociale, molte sezioni della Fiamma chiudono o diventano sezioni di CasaPound. Blocco Studentesco, fedele al fondatore, esce tutto intero dal partito e da allora fa riferimento a CPI, non smettendo di crescere e progettando l’espansione all’Università, concretizzatasi il 1 Ottobre in un volantinaggio realizzato in contemporanea al di fuori delle facoltà di diversi atenei italiani. La piattaforma declina il no all’ingresso dei privati nelle università, lo snellimento burocratico, migliori servizi e più potere agli studenti.
Ciò che più preoccupa nella nascita e nello sviluppo di questa formazione è l’impronta fortemente sociale, il mirare alla “pancia” delle persone. Già due giorni dopo la fuoriuscita dal MsFT, contro il carovita incappucciano i parchimetri in sacchetti di plastica accusando le amministrazioni di razziare le tasche degli onesti cittadini, il 15 settembre mettono in scena un’altra azione simbolica a difesa dei lavoratori Alitalia. Sempre con il medesimo modus operandi: la stessa iniziativa riprodotta contemporaneamente in tutta Italia e rivendicata sui media nazionali e locali, che non si fanno mai problemi a pubblicizzarla. E poi nuove occupazioni, alcune riuscite (Latina) altre subito sgomberate (Ghedi, vicino a Brescia).
Pianificazione meticolosa, presenza capillare sul territorio, movimentismo, richiamo a tematiche sociali spesso tradizionalmente appannaggio delle sinistre, xenofobia, uso dei media e di internet per niente dissimile a quello di collettivi e centri sociali di opposto orientamento, parziale occultamento dell’identità fascista (spesso i militanti di CPI non hanno affatto un look nazi, nel loro simbolo non ci sono fiamme, celtiche o svastiche ma una tartaruga, ecc).Un mix che rischia di rivelarsi efficace, sicuramente molto più al passo coi tempi dei veterofascismi a cui eravamo abituati. Un pericolo nuovo, ancora poco conosciuto, da non perdere di vista




a

settembre: 2019
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Annunci