Posts Tagged ‘rete antifascista ravenna

04
Dic
08

Ravenna: GIU’ LE MANI DALLA RESISTENZA! GIU’ LE MANI DA BULOW! GIU’ LE MANI DALLA 28A BRIGATA!

 

GIU’ LE MANI DALLA RESISTENZA!
GIU’ LE MANI DAL COMANDANTE BULOW!
GIU’ LE MANI DALLA 28 a BRIGATA!

comandante-bulowthumbnailOggi 4 dicembre 2008, anniversario della Liberazione di Ravenna dal nazi-fascismo, il PdL e Fiamma Tricolore pensavano di poter svolgere indisturbati la loro provocazione revisionista e di attacco alla Resistenza, ma hanno invece trovato sulla loro strada la Rete antifascista di Ravenna.
Un presidio spontaneo con striscione(onore a Bulow, onore alla 28° Brigata, viva la Resistenza.Raf Ravenna) ha raccolto l’adesione popolare di indignazione contro chi sosteneva i fascisti carnefici volendoli far passare come “vittime”, attaccando la Resistenza, i valori che hanno fondato la carta costituzionale e offendendo la memoria, le gesta del glorioso comandante Bulow e della 28° Brigata.
In piazza abbiamo risposto agli attacchi volgari e intrisi di luoghi comuni volti a ribaltare la verità storica, una verità ben viva e presente nei cuori dei tanti cittadini ed ex Partigiani che proprio per questo presidio hanno espresso la loro solidarietà unendosi alla protesta della Rete antifascista.
Di fronte all’utilizzo strumentale dell’elenco nominativo dei morti fascisti nella guerra civile, non c’è stata alcuna commozione ma anzi la rabbia dei presenti nel sentir come rivendicati quei nomi è esplosa in “olè”, la guerra al popolo italiano voluta dai fascisti ha mietuto moltissime vite ma i morti non sono tutti uguali, c’è chi stava col regime dell’olio di ricino e della galera e chi ha combattuto sacrificandosi per una società di liberi e di uguali. I morti che onoriamo e ricordiamo stavano da una sola parte, quella giusta, del popolo in armi contro il nazi-fascismo.
Il vergognoso attacco alla Resistenza e i continui tentativi di revisionismo storico sono volti a legittimare la marcia verso il moderno fascismo del governo Berlusconi.
Le politiche antimmigrati, gli attacchi squadristi a giovani di sinistra, gli attacchi ai diritti dei lavoratori e delle donne, la criminalizzazione dei giovani, un vero e proprio stato di polizia funzionale agli interessi dei padroni, sono parte di un progetto politico concreto di costruzione di un regime.
Questa politica per affermarsi ha bisogno di liquidare la Resistenza, esperienza storica di ribellione che è l’unica risposta efficace e sempre attuale che oggi si deve riprendere.
Abbiamo ritenuto necessario essere in piazza oggi perché il solo fatto di relegare un busto alla storia e alla memoria per noi è insufficiente e riduttivo.
Ancora una volta s’è visto in piazza un sentimento radicale e di viscerale antifascismo che non ha niente con cui spartire con i signori dei partiti parlamentari che voltano le spalle al dovere di “sporcarsi le mani” opponendosi ai fascisti di oggi, mettendo in essere l’antifascismo di cui si riempiono la bocca solo a fini elettorali svuotandolo del suo significato reale.

Rete Antifascista Ravenna

Annunci



a

giugno: 2019
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Annunci